Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1987 numero 6241 (15/07/1987)


Il produttore che mette in commercio una determinata sostanza per la quale usa materiali forniti da terzi che potrebbero arrecare nocumento agli acquirenti, ha l'obbligo di verificare direttamente - alla stregua delle conoscenze tecniche e scientifiche esistenti - l'innocuità dei materiali ricevuti, atteso che la produzione per il commercio imprime agli elementi adoperati un'attitudine nuova ad incidere sui terzi destinatari del prodotto, attuando una dinamica dotata di rilevanza giuridica autonoma, come tale oggetto di norme generali e particolari di comportamento, anche penalmente sanzionate. (Nella specie, affermando il principio di cui alla massima, il S.C. ha confermato l'accertamento di merito circa la responsabilità di un'impresa farmaceutica che aveva prodotto e commercializzato - senza procedere alle preventive ricerche sull'eventuale presenza dell'antigene HBSAG - un farmaco analgesico contenente gammaglobuline umane, estratte ed importate da altre ditte, risultate inquinate dal virus dell'epatite B, che aveva contagiato una paziente).Ai fini della responsabilità sancita dall'art. 2050 c.c., debbono essere ritenute pericolose, oltre alle attività prese in considerazione per la prevenzione degli infortuni o la tutela dell'incolumità pubblica, anche tutte quelle altre che, pur non essendo specificate o disciplinate, abbiano tuttavia una pericolosità intrinseca o comunque dipendente dalla modalità di esercizio o dai mezzi di lavoro impiegati. Pertanto, la produzione e l'immissione in commercio di farmaci, contenenti gammaglobuline umane e destinati all'inoculazione nell'organismo umano, costituisce attività dotata di potenziale nocività intrinseca, stante il rischio di contagio del virus della epatite di tipo B, non espressamente previsto dalla normativa riguardante gli emoderivati (art. 13 l. 14 luglio 1967 n. 592; art. 1 e 106 d.m. sanità 18 giugno 1971; art. 44, 46 e 49 d.P.R. 24 agosto 1971 n. 1256; art. 1 d.m. sanità 15 settembre 1972) ma tuttavia compreso nell'ampia prevenzione stabilita dalle citate disposizioni.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1987 numero 6241 (15/07/1987)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto