Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1984 numero 2795 (08/05/1984)


La vendita dissimulante un mutuo con patto commissorio, nullo ai sensi dell' art. 2744 cod. civ., riguarda l' ipotesi in cui le parti, pur dichiarando formalmente di voler vendere ed acquistare, concordano in sostanza che il creditore-acquirente diventerà proprietario solo se il debitore-alienante non estinguerà il debito nel termine pattuito. Pertanto, tale figura non ricorre allorché sia stata conclusa una vendita effettiva, con immediato passaggio della proprietà dal venditore all' acquirente, pure se quest' ultimo si sia obbligato a ritrasferire la proprietà al venditore stesso una volta estinto il debito (pactum de retrovendendo), atteso che si è in presenza di un negozio indiretto, che esclude la simulazione, in quanto il mezzo giuridico adoperato (contratto di vendita) è realmente voluto, sia pure come mezzo per raggiungere lo scopo di garanzia inerente a detto patto.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1984 numero 2795 (08/05/1984)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto