Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1983 numero 3123 (07/05/1983)


Le somme erogate dallo stato in favore dei danneggiati dal disastro del vajont, secondo la previsione delle leggi 4 novembre 1963 n. 1457 e 31 maggio 1964 n. 357, configurano anticipazioni sui danni patrimoniali che sarebbero loro spettati in seguito all' accertamento di eventuali responsabilità, rivolte ad accelerare l' opera di ricostruzione e ripristino nelle zone devastate, e determinate secondo parametri provvisori disancorati dal completo e definitivo riscontro dei pregiudizi subiti, le quali non escludono il diritto dei danneggiati medesimi di agire contro i suddetti responsabili per il ristoro del danno non coperto dall' intervento pubblico, la cui quantificazione resta affidata al giudice adito con piena libertà d' indagine, secondo le norme comuni e senza alcun vincolo derivante dagli accertamenti espletati in sede amministrativa.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1983 numero 3123 (07/05/1983)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto