Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1981 numero 6353 (28/11/1981)


In tema di esecuzione del mandato, mentre l'eccesso o il difetto di rappresentanza - che si concretano in un travalicamento dei limiti della procura - comportano la mancata produzione di effetti nella sfera giuridica del mandante dell'atto compiuto dal rappresentante, l'abuso di rappresentanza - e cioè il cattivo uso di poteri realmente conferiti - necessita di una verifica della conformità dell'atto stesso allo scopo ed agli interessi perseguiti dal mandante. Verifica tuttavia non necessaria qualora, nel caso di mandato "rigido e specifico", il mandatario si discosti dalle specifiche istruzioni ricevute, compiendo un atto non corrispondente all'espressa volontà del mandante.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1981 numero 6353 (28/11/1981)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto