Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1976 numero 2273 (16/06/1976)


Nel contratto di compravendita di merci stipulato, con la clausola "salvo conferma (od approvazione) della casa", dall' agente del venditore, sfornito di poteri rappresentativi, l' ordine sottoscritto dall' acquirente, e trasmesso dall' agente al venditore, configura la proposta, mentre il contratto si conclude nel momento e nel luogo in cui l' acquirente riceve la notizia dell' accettazione del venditore. In detto luogo, pertanto, viene a radicarsi il forum contractus, al fine della determinazione della competenza per territorio. Cass. civile, sez. III, 05-07-1980, n. 4293.Nell' ipotesi di contratto concluso per mezzo di rappresentante, l' accettazione dell' ordinativo da parte di costui pone in essere l' incontro dei consensi tra venditore e compratore, e la conclusione del negozio deve considerarsi avvenuta attraverso il consenso manifestato dalle parti presenti, non rilevando la clausola 'salvo approvazione della casa (cui è stato assegnato, nella specie, il valore della previsione di una facoltà di eventuale recesso del venditore rappresentato).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1976 numero 2273 (16/06/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto