Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1993 numero 8744 (16/08/1993)


La servitù irregolare di aria e di luce, pur essendo normalmente negativa e non apparente e, quindi, insuscettibile di costituzione per destinazione del padre di famiglia a norma dell' art. 1061 cod. civ., può in concreto atteggiarsi come servitù apparente tutte le volte che abbia un oggetto o un aspetto tali da rivelare all' esterno l' imposizione di un peso a carico del fondo vicino. In tale ipotesi, perché possa così costituirsi detta servitù, il giudice del merito è tenuto ad una rigorosa motivazione circa la sussistenza della situazione di fatto, la quale dimostri in modo univoco l' onere gravante su un fondo a vantaggio dell' altro.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1993 numero 8744 (16/08/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto