Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1993 numero 2020 (19/02/1993)


La preposizione institoria, essendo caratterizzata dall' ampiezza dei poteri rappresentativi che fanno dell' institore lo "alter ego" dell' imprenditore, postula la volontà di quest' ultimo di delegare al preposto poteri di gestione del tutto coincidenti con i propri, e, pertanto, mentre è insita, a norma dell' art. 2203 cod. civ., nella preposizione ad una sede o ad un ramo dell' attività dell' impresa, non è di per sé evincibile dalla preposizione a singoli uffici (nella specie: ufficio-vendite), ancorché dotati di una certa autonomia operativa nell' ambito dell' organizzazione imprenditoriale.Il principio dell'apparenza del diritto trae origine dall'incolpevole aspettativa del terzo di fronte ad una situazione ragionevolmente attendibile, anche se non conforme a realtà. L'applicabilità di tale principio esige che chi lo invoca fornisca la prova del proprio incolpevole affidamento nella situazione apparente.Non costituisce requisito ulteriore della fattispecie la condotta colposa dell'apparente rappresentato, dovendo essere tutelata la posizione del terzo indipendentemente dal concorso di tale elemento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1993 numero 2020 (19/02/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto