Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1992 numero 1136 (03/02/1992)


Allorché il titolare del diritto di nuda proprietà di un bene trasferisca tale diritto a terzi (a titolo gratuito od oneroso), lo stesso non ha l'obbligo di consegnare la cosa all'acquirente, perché appartenendo la disponibilità materiale della stessa all' usufruttuario, egli non è giuridicamente e sostanzialmente in grado di effettuare detta consegna. Pertanto, se alla morte dell' usufruttuario taluno, per fatto proprio successivo al trasferimento della nuda proprietà, accampi diritti sulla cosa, è il cessionario ed attuale proprietario che deve ricorrere all'azione giudiziale per respingere l'attentato che ne deriva alla sua proprietà ed eventualmente per ottenere il rilascio del bene da chi senza titolo lo detenga, senza che il venditore della nuda proprietà gli debba alcuna garanzia per circostanze o situazioni temporalmente e oggettivamente avulse al diritto da lui trasferito.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1992 numero 1136 (03/02/1992)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto