Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1985 numero 142 (19/01/1985)


Allorquando in base a una clausola dell'atto costitutivo l'amministrazione di una società semplice sia affidata a un consiglio di soci è configurabile non l'ipotesi dell'amministrazione disgiuntiva di cui all'art. 2257 cod. civ. ma dell'amministrazione congiunta dei soci designati (art. 2258 cod. civ.) con la conseguenza che per le relative decisioni è necessaria l'unanimità dei consensi, non trovando applicazione - in assenza di una specifica previsione pattizia - l'amministrazione fondata sul principio maggioritario, come indicato dall'art. 2388 cod. civ. per la società per azioni.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1985 numero 142 (19/01/1985)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto