Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1979 numero 2285 (23/04/1979)


La comoda divisibilità di un bene immobile comune va intesa sia sotto l'aspetto strutturale, nel senso che il frazionamento non richieda accorgimenti ed operazioni troppo costose e complesse, ovvero l'imposizione di pesi, limiti e servitù eccessivamente gravosi per il godimento delle singole porzioni ereditarie, sia sotto l'aspetto funzionale, nel senso che la divisione non produca un deprezzamento del bene nel suo valore economico originario ovvero una più o meno grave deviazione dalla naturale utilizzazione del complesso indiviso secondo la sua naturale funzione e consenta la formazione di quote suscettibili di autonomo godimento, ancorché in regime di condominio edilizio.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1979 numero 2285 (23/04/1979)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto