Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2014 numero 8868 (16/04/2014)




La clausola compromissoria non può considerarsi né un patto del contratto preliminare di compravendita né un elemento di tale contratto: è invece un atto autonomo, a effetti processuali, anche se, insieme con il contratto preliminare, può (ma non deve) essere contenuto in un medesimo documento. Né assurge a rango di regola assoluta il fatto che il contratto definitivo sia da considerarsi unica fonte di diritti e obblighi tra le parti, occorrendo in tal caso accertare la volontà negoziale delle parti valutando tra l’altro il contenuto di detto preliminare. Ne deriva che deve ritenersi valida la clausola compromissoria inserita nel contratto preliminare di compravendita, nonostante la mancata riproduzione nel definitivo, laddove gli impegni assunti dalle parti con il primo negozio non risultino esauriti anche dopo la stipula del definitivo, ad esempio perché fu pattuito un sovrapprezzo nel caso in cui al terreno compravenduto fosse stato attribuita la destinazione industriale in epoca successiva alla data fissata per il definitivo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2014 numero 8868 (16/04/2014)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto