Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1998 numero 4618 (07/05/1998)


L'istituto dell'avallo è riconducibile, al di là del suo innegabile carattere di astrattezza, ad un determinata "categoria" negoziale (nella specie, la fideiussione), della quale è, pertanto, legittima, "in parte qua", l'applicazione della relativa disciplina normativa, ad eccezione delle disposizioni con l'avallo stesso incompatibili. Deve, in particolare, ritenersi applicabile all'avallo il disposto dell'art. 1949 cod. civ. che, nel richiamare il più generale principio sancito dal precedente art. 1203, n. 3, prevede "la surrogazione del fideiussore che ha pagato nei diritti che il creditore aveva contro il debitore".

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1998 numero 4618 (07/05/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto