Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1991 numero 3435 (29/03/1991)


Qualora, secondo lo statuto di una società di capitali, competa all'organo amministrativo di procedere alla ratifica di atti compiuti, prima o dopo la sua costituzione, da un rappresentante senza poteri, la partecipazione allo stesso organo del soggetto fisico che ha compiuto l'atto da ratificare non determina lo spostamento della competenza medesima all'assemblea, ma preclude soltanto che tale soggetto, in conflitto di interessi, partecipi alla delibera di ratifica, e comporta, in caso di violazione del divieto, le conseguenze fissate nell'art. 2391, commi secondo e terzo, cod. civ., ovvero, per il caso di amministratore unico, nel'art. 1394 stesso codice.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1991 numero 3435 (29/03/1991)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto