Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Napoli del 2011 (25/05/2011)



La sopravvenuta impossibilità di conseguire l’oggetto sociale si configura nel caso in cui la società si viene a trovare, in modo oggettivo, definitivo ed irreversibile, nell’impossibilità di continuare a svolgere l’attività economica programmata dai soci come delineata nell’atto costitutivo, tale da precludere qualsiasi ulteriore attività operativa della società.

Costituisce causa di scioglimento di una società di capitali l’impossibilità di funzionamento dell’assemblea ordinaria che, a causa del dissidio persistente ed insanabile insorto tra i soci ovvero del loro continuato disinteresse per le attività sociali, non è in grado di adottare le delibere essenziali per l’attività societaria quali, ad esempio, la nomina degli amministratori o l’approvazione del bilancio.

Al verificarsi di una causa di scioglimento di una società di capitali ed in caso di inerzia degli amministratori per l’accertamento giudiziale della stessa, l’istanza di accertamento può essere promossa al tribunale da ogni sindaco individualmente.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Napoli del 2011 (25/05/2011)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto