Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Milano del 1987 (05/11/1987)


La deliberazione consiliare invalida ex artt. 2391 e 2377, codice civile, può essere impugnata da ciascun consigliere assente o dissenziente, in quanto componente dell'organo amministrativo, da ciascun sindaco, in quanto deputato dalla legge al controllo della legittimità della deliberazione assembleare e consiliare e dell'operato degli amministratori e non anche del singolo socio dissenziente; la deliberazione consiliare con oggetto illecito o impossibile e' impugnabile da chiunque dimostri di avere un concreto interesse alla sua invalidazione; la deliberazione consiliare inesistente e' impugnabile senza limiti di tempo da ciascun sindaco e da ciascun socio individualmente interessati alla tutela della legalità degli atti sociali. In caso di aumento gratuito del capitale sociale mediante imputazione a capitale delle riserve, alla società, che abbia in portafoglio azioni proprie, deve essere attribuita una quota proporzionale delle azioni corrispondenti al deliberato aumento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Milano del 1987 (05/11/1987)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto