Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Milano, sez. VI del 2016 numero 10049 (13/09/2016)



In tema di contratti interest rate swap l’intermediario finanziario deve essere condannato a risarcire l’investitore per la carenza di prova dell’idoneità ex ante del contratto a svolgere la funzione - quanto meno prevalente - di copertura dai rischi di fluttuazione dei tassi d’interesse del finanziamento concesso da una banca a una società controllata mentre la consulenza tecnica d’ufficio ha rilevato una finalità dell’ interest rate swap prevalentemente speculativa rispetto all’andamento del tasso d’interesse: da tale rilievo discende l’affermazione della responsabilità di detto intermediario per i danni subiti dall’investitore dovendosi sottolineare un'altra responsabilità per la presenza nel contratto di costi occulti e per la mancata predeterminazione dei criteri di calcolo del mark to market.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Milano, sez. VI del 2016 numero 10049 (13/09/2016)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto