Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 53


Il Ministro per le finanze, sentito il Consiglio superiore dei
lavori pubblici, può stabilire, con proprio decreto, a favore dei
Comuni rivieraschi e delle rispettive Province, un ulteriore canone
annuo, a carico del concessionario, fino a lire 436 per ogni
chilowatt nominale concesso.
Con lo stesso decreto, il sovracanone è ripartito fra gli enti di
cui al comma precedente, tenuto conto anche delle loro condizioni
economiche e dell'entità del danno eventualmente subìto in dipendenza
della concessione.
Nel caso di derivazioni a seguito delle quali le acque pubbliche
siano restituite in corso o bacino diverso da quello da cui sono
derivate, il Ministro per le finanze, sentito il Consiglio superiore
dei lavori pubblici, stabilisce tra quali Comuni e Province ed in
quale misura il sovracanone di cui ai commi precedenti debba essere
ripartito.
Il canone di cui al presente articolo ha la stessa decorrenza e la
stessa scadenza del canone governativo (Articolo così sostituito dall'art. 1, l. 4 dicembre 1956, n.1377).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 53"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto