Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 40


Il disciplinare della concessione determina la quantità, il modo, le
condizioni della raccolta, regolazione, estrazione, derivazione,
condotta, uso, restituzione integrale o ridotta e scolo dell'acqua,
le garanzie richieste nell'interesse dell'agricoltura, dell'igiene
pubblica e stabilisce l'annuo canone da corrispondersi allo Stato.
Vi sono prefissi i termini entro i quali dovranno essere effettuate
le espropriazioni e quelli per l'inizio e l'ultimazione dei lavori e
per l'utilizzazione dell'acqua.
Su esplicito parere del Consiglio superiore, possono includersi nel
disciplinare norme relative alle tariffe di vendita dell'acqua
derivata o della energia con essa prodotta.
Il Consiglio superiore dei lavori pubblici si pronuncia sulle
modalità atte a garantire l'osservanza delle richieste dell'autorità
militare nei riguardi della difesa territoriale.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 40"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto