Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 28


Nelle grandi derivazioni ad uso potabile, d'irrigazione o bonifica,
qualora al termine della concessione persistano i fini della
derivazione e non ostino superiori ragioni di pubblico interesse, al
concessionario è rinnovata la concessione, con quelle modificazioni
che, per le variate condizioni dei luoghi e del corso d'acqua si
rendessero necessarie.
In sede di rinnovo di concessioni di grandi e piccole derivazioni
d'acqua ad uso irriguo, fatti salvi i criteri indicati dall'art.
12bis, comma 2, il competente ufficio istruttore verifica l'effettivo
fabbisogno idrico in funzione delle modifiche dell'estensione della
superficie da irrigare, dei tipi di colture praticate anche a
rotazione, dei relativi consumi medi e dei metodi di irrigazione
adottati (Comma aggiunto dall'art. 7, d.lg. 12 luglio 1993, n. 275).
In mancanza di rinnovazione, come nei casi di decadenza o rinuncia,
passano in proprietà dello Stato, senza compenso, tutte le opere di
raccolta, di regolazione e di derivazione principali ed accessorie, i
canali adduttori dell'acqua, gli impianti di sollevamento e di
depurazione, le condotte principali dell'acqua potabile fino alla
camera di carico o di distribuzione compresa, i canali principali di
irrigazione e i canali e le condotte di scarico.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 28"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto