Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 200


Contro le decisioni pronunciate in grado di appello dal Tribunale
superiore delle acque pubbliche è ammesso il ricorso alle sezioni
unite della Corte di cassazione:
a) per incompetenza o eccesso di potere ai termini dell'art. 3
della L. 31 marzo 1877, n. 3761 (in merito, vedi, ora, anche art. 362, comma secondo, cod.proc.civ.1942.);
b) per violazione o falsa applicazione di legge ai sensi del n. 3
dell'art. 517 (vedi, ora, art. 360, comma primo, n. 3, cod.proc.civ. 1942.) del codice di procedura civile, o se si verifichi
la contraddittorietà prevista nel n. 8 dell'art. 517 (la norma di cui all'art. 517, comma primo, n. 8, cod.proc.civ. del 1866, prevedeva che la sentenza pronunziata in grado di appello poteva essere impugnata col ricorso per cassazione <>) medesimo.
Nei casi di annullamento ai sensi della lettera b) la causa è
rinviata allo stesso Tribunale superiore delle acque pubbliche il
quale deve conformarsi alla decisione della Corte di cassazione sul
punto di diritto sul quale essa ha pronunciato.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 200"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto