Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 165


La prova testimoniale può essere dedotta oralmente o per iscritto.
Quando sia dedotta oralmente, il giudice, nell'ordinanza che
ammette la prova, determina i fatti da provarsi.
Chi deduce la prova deve indicare i nomi dei testimoni che possono
deporre sui fatti dedotti a prova, mediante atto anteriore al
provvedimento che ammette la prova.
La stessa disposizione si applica a chi intende valersi della prova
contraria.
Egli però può chiedere un termine per indicare il nome dei
testimoni, e se voglia provare fatti nuovi, deve entro lo stesso
termine, articolarli.
Il termine per fare gli esami è di giorni sessanta, salvo che per
ragioni speciali sia stabilito un termine maggiore.
Il termine può essere prorogato una sola volta e soltanto per
accordo delle parti, che devono all'uopo sottoscrivere esse il
verbale di proroga, oppure con ordinanza del giudice per motivi per i
quali esso riconosca la necessità della proroga.
Nessuna proroga potrà mai essere maggiore del primo termine che
viene da essa prorogato.
Il termine decorre dalla comunicazione fatta a norma dell'art. 10
del dispositivo del provvedimento che ammette la prova.
I testimoni sono citati per biglietto.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 165"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto