Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 140


Appartengono in primo grado alla cognizione dei Tribunali delle
acque pubbliche:
a) le controversie intorno alla demanialità delle acque;
b) le controversie circa i limiti dei corsi o bacini, loro alvei
e sponde:
c) le controversie, aventi ad oggetto qualunque diritto relativo
alle derivazioni e utilizzazioni di acqua pubblica:
d) le controversie di qualunque natura, riguardanti la
occupazione totale o parziale, permanente o temporanea di fondi e le
indennità previste dall'art. 46 della L. 25 giugno 1865, n. 2359, in
conseguenza dell'esecuzione o manutenzione di opere idrauliche, di
bonifica e derivazione utilizzazione delle acque.
Per quanto riguarda la determinazione peritale dell'indennità
prima dell'emissione del decreto della espropriazione resta fermo il
disposto dell'art. 33 della presente legge;
e) le controversie per risarcimenti di danni dipendenti da
qualunque opera eseguita dalla pubblica amministrazione e da
qualunque provvedimento emesso dall'autorità amministrativa a termini
dell'art. 2 del T.U. 25 luglio 1904, n. 523, modificato con l'art. 22
della L. 13 luglio 1911, n. 774;
f) i ricorsi previsti dagli artt. 25 e 29 del testo unico delle
leggi sulla pesca approvato con R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 140"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto