Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Modalità di esecuzione della collazione



Le concrete modalità di adempimento dell'obbligo di procedere alla collazione variano in dipendenza della natura dei cespiti donati in vita dal de cuius e delle possibilità di scelta che la legge ha stabilito per il donatario.
Trattandosi di beni immobili quest'ultimo può optare per il conferimento in natura ovvero per l'imputazione (art. 746 cod.civ.). Venendo in considerazione beni mobili è ammissibile unicamente l'imputazione (art. 750 cod.civ.). La scelta compete esclusivamente al donatario, escluso qualsiasi vincolo da parte del donante, il quale caso mai può intervenire dispensando il donatario dalla relativa obbligazione (Cass. Civ., Sez. II, 5659/2015).

Infine quanto al denaro l'art. 751 cod.civ. propone una concreta modalità di esecuzione della collazione che, a rigore, non può essere qualificata nè come conferimento in natura nè come imputazione, dovendo piuttosto essere considerata come una sostanziale compensazione tra quanto dovrebbe essere dal donatario riversato nell'asse e quanto da costui dovrebbe successivamente venir prelevato sempre dalla massa ereditaria. Ciò con l'eccezione (meglio da illustrare nella sede appropriata) dell'ipotesi in cui il denaro non sia sufficiente.

Prassi collegate

  • Quesito n. 236-2014/T, Tassazione di divisione preceduta da collazione e da prelevamento attuato mediante compensazione volontaria

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Modalità di esecuzione della collazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Modalità di esecuzione della collazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto