Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La consegna nella vendita a consegne ripartite



Nella vendita c.d. "a consegne ripartite", la quale può avere ad oggetto sia cose mobili sia immobili, è dedotta un'unica prestazione che viene frazionata nel tempo, intervenendo in una pluralità di momenti distinti nota1. In altre parole, il frazionamento della consegna dà luogo unicamente ad una speciale modalità di esecuzione di quella che rimane la sola ed unica prestazione a carico del venditore.

La legge non si occupa espressamente della figura in considerazione. Tuttavia il II comma dell'art.1518 cod.civ., dettato nella sezione relativa alla vendita di cose mobili, fa menzione della "vendita ad esecuzione periodica", nella quale la liquidazione del danno per inadempimento "si determina sulla base dei prezzi correnti nel luogo e nel giorno fissati per le singole consegne". A ben vedere la vendita con esecuzione periodica altro non è se non la vendita a consegne ripartite nota2.

Il fatto che il contratto in esame dia luogo ad un'unica prestazione possiede notevoli implicazioni. Si pensi in primo luogo al termine per la denunzia per i vizi: esso è unico e decorre dal giorno della consegna o della scoperta iniziali; la consegna delle partite successive non conta allo scopo di differire il relativo termine (Cass.Civ.Sez.II, 4019/99; Cass.Civ.Sez.II, 6855/93).

E' inoltre incompatibile l'apposizione di una clausola di rinnovazione tacita che si riferisce ai contratti di durata quali la somministrazione, dal momento che il contratto di vendita si esaurisce naturalmente con l'adempimento dell'unica prestazione (ancorchè eseguita in una pluralità di momenti diversi)(Cass.Civ.Sez.II, 6107/87) nota3.

Note

nota1

Chiara, sotto questo profilo, è la differenza rispetto alla somministrazione, nella quale, invece, si ha una pluralità di prestazioni, ciascuna delle quali è autonomamente valutabile: cfr.Cass. Civ. Sez. II, 7380/91.
top1

nota2

Più corretta dunque sarebbe stata la sua definizione come "vendita ad esecuzione frazionata": così Rubino, La compravendita, in Tratt. dir.civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, vol.XXIII, Milano, 1971, p.490.
top2

nota3

Inapplicabili saranno anche le norme dettate dal codice per i contratti ad esecuzione continuata o periodica: cfr. Luminoso, I contratti tipici ed atipici, in Tratt. dir. priv., a cura di Iudica-Zatti, Milano, 1995, p.83.
top3

Bibliografia

  • LUMINOSO, I contratti tipici e atipici, Milano, Tratt.dir.priv.dir.da Iudica e Zatti, 1995
  • RUBINO, La compravendita , Milano, Tratt.dir.civ. e comm. già dir. da Cicu-Messineo, e continuato da Mengoni vol.XVI, 1971

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La consegna nella vendita a consegne ripartite
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La consegna nella vendita a consegne ripartite"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto