Immobile acquistato dal figlio con i denari dei genitori

La fattispecie dell'adempimento del terzo (art. 1180 cod. civ. ) viene in considerazione a proposito di un particolare problema che ha modo di porsi nella prassi con una certa frequenza. Si tratta del caso in cui un soggetto provveda ad erogare le somme necessarie all'acquisto di un immobile che viene intestato ad un soggetto diverso dal solvens. Si pensi a Tizio e Tizia, genitori di Caio, maggiorenne senza redditi propri, che pagano il prezzo dell'appartamento che Caio acquista da Sempronio. Caio non può essere considerato soggetto interposto né realmente né fittiziamente. Lo scopo di Tizio e Tizia non è già quello di frapporre uno schermo tra il bene e la loro persona, bensì quello di sovvenire alle esigenze del figlio, provvedendo all'adempimento dell'obbligazione relativa al pagamento del corrispettivo dell'alienazione. Ciò viene a concretare una donazione indiretta, attuata per il tramite dello strumento di cui all'art. 1180 cod. civ. .

Il problema è quello della qualificazione giuridica della delineata operazione. Una volta apertasi la successione a causa di morte dei genitori (adempienti il debito altrui) qual è l'oggetto del conferimento da effettuare in sede di collazione tra coeredi? Deve essere assoggettato a collazione il prezzo versato ovvero l'immobile acquistato? La risposta possiede notevoli implicazioni: nel primo caso i coeredi potranno al più pretendere gli interessi legali, nel secondo l'immobile stesso il che, in tempi di elevata svalutazione monetaria, potrebbe risultare economicamente più favorevole. La giurisprudenza ha espresso in proposito pareri oscillanti (Cass. Civ. Sez. II, 1851/80 ), fino alla pronunzia delle Sezioni Unite della S.C. che, nel 1992, hanno statuito nel secondo senso (Cass. Civ. Sez. Unite, 9282/92 ). In tempi più recenti è stato deciso che, al fine di poter ritenere che l'oggetto della donazione indiretta sia costituito dall'immobile, sarebbe necessaria o la corresponsione del denaro direttamente all'alienante o la previsione esplicita della destinazione della somma erogata (Cass. Civ. Sez. II, 26746/08). La questione possiede notevoli conseguenze non soltanto in riferimento alla disciplina della collazione, come detto, bensì anche in relazione all'esercizio dell'azione di riduzione, con ripercussione anche per i terzi aventi causa dal donatario (Cass.Civ., Sez.I, 11496/10).
A questo tema si possono aggiungere implicazioni fiscali. Generalmente nella pratica si procede facendo acquistare titoli di Stato o altri valori da parte dei genitori, effettuando una donazione di tali titoli dai genitori al figlio, il quale provvede a rivenderli onde effettuare, con il corrispettivo ricavato, l'acquisto immobiliare. Qualora si dovesse seguire questa via (e non già quella, più diretta, del pagamento effettuato dai genitori all'alienante) sarebbe difficile poi negare che l'oggetto della collazione sia costituito dal denaro. Rimane da puntualizzare che, allo scopo di escludere che il pagamento del terzo possa intervenire a titolo oneroso, occorrerà che venga esclusa la ricorrenza della surrogazione del terzo nel credito vantato da colui che viene pagato (art. 1201 cod. civ. ).

Contributi di approfondimento

  • Acquisto di bene immobile in capo al figlio con i denari dei genitori

Prassi collegate

  • Studio n. 711-2008/C, Il pagamento del prezzo della compravendita

News collegate

Vedi anche

Richedi una consulenza

Se sei interessato all'argomento "Immobile acquistato dal figlio con i denari dei genitori" trattato in questa pagina puoi richiedere oggi stesso una consulenza.

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus a questo indirizzo.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Immobile acquistato dal figlio con i denari dei genitori"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto

Accetto