Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2011 numero 19482 (23/09/2011)




Nell’ipotesi di cui all’art. 1054 c.c. il diritto di costituzione della servitù del titolare del fondo diventato intercluso non incontra il limite della particolare destinazione del fondo dell’altra parte posto dall’art. 1051, ultimo comma, c.c.. Ciò in quanto detto limite trova la sua ragione d’essere quando il proprietario del fondo su cui dovrebbe gravare la servitù riveste la posizione di terzo estraneo alla situazione di interclusione del fondo contiguo, ponendosi in tale caso la legge l’esigenza di un equo contemperamento dei contrapposti interessi, laddove simili esigenze non ricorrono nei confronti dell’alienante del fondo intercluso non trattandosi di terzo ma di colui che, con l’atto di alienazione ha dato direttamente origine a una situazione di interclusione prima inesistente.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2011 numero 19482 (23/09/2011)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto