Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2005 numero 7287 (07/04/2005)


In tema di obbligazioni indivisibili, tra le quali rientra la promessa di più soggetti di acquistare in comune un immobile considerato nella sua interezza, l'impossibilità che gli effetti del contratto definitivo si producano pro quota o nei confronti soltanto di alcuni dei promissori comporta che il diritto di ciascuno dei creditori di chiedere l'adempimento dell'intera obbligazione, comune alla disciplina delle obbligazioni solidali, richiamata in materia dall'articolo 1317 del Cc, non sia oggettivamente suscettibile dell'effetto liberatorio parziale nei confronti degli altri creditori che l'articolo 1301 del Cc ricollega alla remissione fatta da uno dei creditori. All'insuscettibilità di tale effetto non consegue, tuttavia, la risolubilità del contratto per l'impossibilità di richiedere una prestazione pro quota dell'obbligazione indivisibile, attesa l'espressa previsione nell'articolo 1320 del Cc che la remissione di uno dei creditori non comporta la liberazione del debitore nei confronti degli altri creditori e che il loro diritto a domandare la prestazione indivisibile è condizionato unicamente all'addebito o rimborso del valore della parte di colui che ha fatto la remissione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2005 numero 7287 (07/04/2005)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto