Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2003 numero 16930 (11/11/2003)


In caso di negoziazione di beni immobili con destinazione residenziale tra i documenti relativi alla proprietà e all'uso della cosa che il promittente venditore o l'alienante deve mettere a disposizione del promissario, o dell'acquirente, è compreso il certificato di abitabilità, atteso che il possesso di tale documento è indispensabile ai fini della piena realizzazione della funzione socio-economica del contratto. L'obbligo del promettente venditore di allegare il certificato in questione, in mancanza di diversa previsione contrattuale, deve essere adempiuto al momento della stipula dell'atto pubblico che è quello nel quale il promissario acquirente si impegna di pagare il saldo. Pertanto, quando il contratto preliminare non preveda che il saldo del prezzo debba essere corrisposto alla consegna dell'appartamento, e stabilisca una data successiva per la stipula del definitivo, il promettente venditore non è tenuto ad adempiere l'obbligazione di allegare il certificato di abitabilità all'atto della consegna dell'appartamento, mancando un legame di collegamento e di interdipendenza tra le reciproche prestazioni, e con la conseguenza, altresì - non essendo le reciproche prestazioni (saldo del prezzo e allegazione del certificato di abitabilità) contemporaneamente dovute al momento della consegna dell'appartamento - che la mancanza di tale certificato non abilita il promissario acquirente, dopo la consegna dell'immobile, a opporre l'eccezione di inadempimento per giustificare il mancato rispetto degli obblighi contrattuali assunti. (Nella specie pagamento di parte del prezzo e delle rate di mutuo). L'eccezione di inadempimento, di cui all'art. 1460 del Cc., la quale, in via generale, presuppone che le reciproche prestazioni siano contemporaneamente dovute, è opponibile anche alla parte che debba adempiere entro un termine diverso e successivo, a fronte di un evidente pericolo di perdere la controprestazione, avendo essa già dimostrato di non essere in grado di provvedere ai propri obblighi. L'art. 1460 del Cc., infatti, esclude che nei contratti con prestazioni corrispettive, ove sia prevista da espressa pattuizione contrattuale (o dalla natura del contratto) la diversità dei termini di adempimento, il contraente tenuto per primo alla prestazione e resosi inadempiente, possa giovarsi dell'eccezione di inadempimento salva l'ipotesi del pericolo di perdere la controprestazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2003 numero 16930 (11/11/2003)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto