Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1998 numero 2911 (19/03/1998)


Non può esser dichiarato prescritto il diritto all' eredità del chiamato, possessore, o compossessore, a qualsiasi titolo, dei beni ereditari, se non ha redatto, entro tre mesi dall' apertura della successione o dalla notizia della devoluta eredità, l' inventario indipendentemente dall' accettazione, con o senza tale beneficio (art. 484 cod. civ.) - ovvero non vi ha rinunciato perché in tal caso diviene erede puro e semplice "ope legis", prescindendo dalla sua volontà come nel caso in cui sono trascorsi quaranta giorni dalla redazione dell' inventario senza che abbia ancora deliberato per decadenza a rinunziarvi (ultimo comma dell' art. 485 cod. civ.).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1998 numero 2911 (19/03/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto