Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1985 numero 3718 (21/06/1985)


Qualora, fra i promotori di una società per azioni ed il sottoscrittore di una quota del capitale di essa, intervenga un accordo, con il quale quest'ultimo si impegni ad eseguire determinate opere in favore della società medesima, con compenso da portarsi in detrazione del debito derivante dalla sottoscrizione delle azioni, la mancata approvazione di tale accordo da parte della competente assemblea dei sottoscrittori comporta la caducazione anche del suddetto debito del sottoscrittore, ove risulti che l'accordo medesimo configuri l'accettazione di un conferimento in natura, mediante le opere da eseguire e costituisca, pertanto, non un autonomo e distinto negozio, ma un atto del complessivo procedimento di costituzione della società.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1985 numero 3718 (21/06/1985)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto