Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1976 numero 1383 (20/04/1976)


Poiché nello spoglio del possesso l' animus spoliandi è insito nello stesso atto d' impossessamento della cosa e non è escluso dalla convinzione di essere proprietario della medesima, l' eccezione feci sed iure feci non vale a contrastare l' azione di reintegrazione se sia fondata su un preteso ius possidendi; essa vale invece ad escludere l' arbitrarieta del fatto, se idonea a dimostrare, anzi che lo jus possidendi, lo jus possessionis, ossia che lo spogliatore opero nell' ambito del suo possesso, esclusivo o comune con l' attore in reintegrazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1976 numero 1383 (20/04/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto