Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2004 numero 6491 (02/04/2004)


La circostanza che il terreno espropriato abbia una destinazione edificatoria, per essere l'edificabilità consentita dagli strumenti urbanistici non è esaustiva per determinare, in concreto, il valore dell'immobile espropriato.L'edificabilità, infatti, va da un minimo (tendente a zero) a un massimo, con una vasta gamma di situazioni quantitative intermedie su cui incide in misura determinante proprio l'edificabilità effettiva, quale attitudine del suolo a essere sfruttato e concretamente destinato a fini edificatori. L'edificabilità, inoltre, può venire ridotta o addirittura esclusa, dalle caratteristiche morfologiche o dalla limitata superficie del suolo o da altre circostanze ostative di fatto alla realizzazione del manufatto (come avviene, quando la stessa si trovi in una zona in cui manchino del tutto infrastrutture e servizi correlati alla urbanizzazione, e si riveli, pertanto, priva, per la sua posizione, e le sue caratteristiche oggettive, di concrete possibilità edificatorie). Tutti tali elementi, pertanto, devono essere valutati dal giudice, al fine di accertare il valore di mercato dell'immobile espropriato.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2004 numero 6491 (02/04/2004)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto