Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1999 numero 6298 (22/06/1999)


La fusione della società mediante incorporazione determina automaticamente l'estinzione della società assoggettata a fusione ed il subingresso della società incorporante nei rapporti ad essa relativi, crea una situazione giuridica corrispondente a quella della successione universale "mortis causa", che agli effetti processuali, trova la propria disciplina nell'art. 300 c.p.c., e provoca l'interruzione del processo ove il procuratore della società incorporata abbia fatto la prescritta comunicazione dell'evento realizzatosi nel corso del giudizio, dalla quale decorre il termine semestrale per la riassunzione del processo. Tale principio deve ritenersi tuttora in vigore pur a seguito delle sentenze della Corte Cost. n. 139 del 1967 e n. 159 del 1971, concernenti, come ribadito dalla stessa Corte con le successive pronunce n. 136 del 1992 e n. 18 del 1999, esclusivamente le ipotesi di morte, radiazione o sospensione dall'Albo del procuratore (sent. n. 139 del 1967), e di morte della parte, ovvero di perdita di capacità della stessa verificatasi prima della costituzione in giudizio, (sent. n. 159 del 1971), le ipotesi, cioè, in cui l'interruzione del processo interviene automaticamente all'atto della realizzazione dell'evento impeditivo e, non invece, le ipotesi di morte, o perdita della capacità di una delle parti verificatasi dopo che quest'ultima si sia costituita in giudizio in cui l'interruzione non è automatica, ma interviene solo se il procuratore abbia comunicato l'evento, senza che un siffatto sistema differenziatorio si ponga in contrasto con gli art. 3 e 24 Cost.In caso di estinzione della parte persona giuridica per incorporazione, l'interruzione del processo si verifica dal momento in cui il procuratore dichiara in udienza l'evento interruttivo e lo notifica alle altre parti; tale momento segnala altresì la decorrenza del termine semestrale per la riassunzione o la prosecuzione del processo stesso, indipendentemente dalla successiva pronuncia del giudice la quale riveste valore meramente dichiarativo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1999 numero 6298 (22/06/1999)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto