Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1996 numero 4235 (07/05/1996)


La disposizione dell' art. 2935 cod. civ., nello stabilire che la prescrizione comincia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere, ha riguardo solo alla possibilità legale dell' esercizio del diritto, non influendo sul decorso della prescrizione l' impossibilità di fatto, quale l' ignoranza da parte del titolare dell' esistenza del diritto (a meno che essa non sia imputabile al comportamento doloso della controparte). Il mutamento di un precedente orientamento giurisprudenziale - così come, in genere, le difficoltà od i dubbi sulla interpretazione di una norma, ed anche l' esistenza di un vizio di incostituzionalità, non ancora rilevato, della disposizione che disconosce un dato diritto - costituiscono altrettanti impedimenti solo fattuali, e non legali, all' esercizio del diritto medesimo, agli effetti dell' inizio del decorso della prescrizione ex art. 2935 CIT..

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1996 numero 4235 (07/05/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto