Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1994 numero 2755 (22/03/1994)


Con riguardo al trasferimento di azienda per atto tra vivi, il contestuale trasferimento della ditta (ai sensi dell' art. 2565, secondo comma, cod. civ.) deve essere oggetto di una distinta manifestazione di volontà negoziale, ma tale manifestazione non richiede un' esplicita menzione della ditta nell' atto di trasferimento, potendo la volontà di estendere il trasferimento alla ditta ricavarsi dall' interpretazione dell' atto, sulla base dei criteri interpretativi indicati dagli artt. 1362 e segg. cod. civ..Il trasferimento della ditta, necessariamente collegato a quello dell' azienda, ai sensi dell' art. 2565, secondo comma, cod. civ., può aver luogo anche quando sia trasferita non l' intera organizzazione aziendale, ma solo un ramo di essa suscettibile di costituire un' organica unità, riproducente, sia pure su scala ridotta, le caratteristiche fondamentali dell' azienda originaria.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1994 numero 2755 (22/03/1994)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto