Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1991 numero 11038 (18/10/1991)


In tema di appalto di opere pubbliche, l' anticipazione all' appaltatore di una percentuale del prezzo contrattuale, ai sensi dell' art. 16, quarto comma, lettera c) della 1. 14 maggio 1981 n. 219 e dell' art. 1 del D.M. 25 gennaio 1972, non ha natura di mutuo, né, in particolare, di mutuo "di scopo" bensì di attribuzione anticipata, rispetto all' esecuzione dell' opera, di una parte del compenso spettante all' appaltatore, in deroga al principio della postnumerazione che governa in via generale l' attribuzione del compenso in siffatti contratti. Pertanto, in assenza di previsione di vincolo della somma anticipata all' esecuzione dell' appalto, l' appaltatore può utilizzare la somma stessa liberamente.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1991 numero 11038 (18/10/1991)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto