Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Capacità delle parti



Il mandato è un contratto. Perciò sia mandante sia mandatario (a differenza del procuratore: cfr. art. 1389 cod.civ. ) devono, ai fini della validità della stipulazione, essere negozialmente capaci di agire.

Speciali problemi può porre la natura dell'atto da compiere, con riferimento alla differenza tra ordinaria e straordinaria amministrazione. Infatti soltanto gli atti qualificabili come ricadenti nella sfera dell'ordinaria amministrazione possono essere compiuti liberamente, senza cioè l'assistenza del curatore, da soggetti relativamente capaci di agire (inabilitati, minori emancipati) nota1.

Note

nota1

Il mandante dovrà avere capacità legale di agire, che dovrà essere valutata in relazione tanto alla natura dell'atto gestorio quanto all'eventuale obbligazione di compenso, mentre il mandatario sarà necessario possieda un capacità proporzionata al tipo di obbligazioni e di impegni che assume con la stipulazione del mandato: cfr. Minervini, Il mandato, la commissione, la spedizione, in Trattato di dir.civ.it., dir. da Vassalli, vol.VIII, Torino, 1954, p.20 e Dominedò, voce Mandato, in N.sso Dig.it., vol.XX, 1964, p.118.
top1

 

Bibliografia

  • DOMINEDO', Mandato, N.mo Dig. It.
  • MINERVINI, Il mandato, la commissione, la spedizione, Torino, Trattato Vassalli, 1954

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Capacità delle parti
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Capacità delle parti"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto