Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Milano del 1988 (14/01/1988)


Lo scioglimento della societa' costituisce un momento successivo ed eventuale rispetto allo scioglimento del rapporto sociale limitatamente al socio defunto e trova causa, non tanto nel venir meno della pluralita' dei soci, quanto nel persistere per oltre sei mesi della mancanza della pluralita' stessa. L' operativita' della causa di scioglimento del rapporto sociale, limitatamente ad uno dei due soci, prevale sulla successiva causa di scioglimento, per mancata ricostituzione della pluralita' dei soci nel termine di sei mesi. L' obbligo di liquidare agli eredi il valore della quota del socio defunto grava sui soci superstiti. L' avviamento concorre a determinare il valore della quota del socio defunto

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Milano del 1988 (14/01/1988)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto