Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Trascrizione della vendita di cosa generica



Dando per scontato che, come pare nota1, risulti ammissibile operare la vendita generica relativamente a beni immobili, il nodo problematico si sposta a valle, con specifico riferimento alle modalità di redazione della nota di trascrizione sulla cui base dar corso alla pubblicità immobiliare. Come poter infatti indicare, stante la deduzione del bene come facente parte di un genus, dunque non ancora specificato, i precisi dati catastali e le coerenze, conformemente alla prescrizione del n.4 dell'art. 2659 cod.civ. che fa espresso rinvio al modo di disporre dell'art.2826 cod.civ. ?

A questo riguardo si è replicato nota2 che è pur sempre possibile eseguire subito la trascrizione del titolo che enuncia soltanto genericamente i beni immobili da trasferire, indicando gli estremi dell'intero genere (es.: l'intero appezzamento di terreno omogeneo, nel cui ambito dovrà essere frazionato un singolo lotto, considerato dalle parti come fungibile). Successivamente, individuato con precisione l'oggetto del trasferimento, sarà possibile procedere annotando, a margine della trascrizione, l'atto di precisa identificazione catastale in forza del quale viene specificato quanto venduto.




Note

nota1

Si reputa per lo più che non vi sia ragione di escludere la possibilità di configurare una vendita generica avente ad oggetto immobili. Essa sarebbe configurabile in concreto come una vendita di un genere limitato: Rubino, La compravendita, in Tratt. dir.civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, vol.XXIII, Milano, 1971, p.97, Auricchio, Individuazione dei beni immobili, Napoli, 1960, p.132 e Perego, La vendita di immobili non individuati, in Riv.trim.dir. e proc.civ., 1982, p.1219.
top1

nota2

Cfr.Mariconda, La trascrizione, in Tratt. dir.priv., diretto da Rescigno, vol.XIX, Torino, 1985, p.84.
top2

Bibliografia

  • AURICCHIO, La individuazione dei beni immobili, Napoli, 1960
  • MARICONDA, La trascrizione, Torino, Tratt.dir.priv. diretto da Rescigno, XIX, 1985
  • PEREGO, La vendita di immobili non individuati, Riv.trim.dir. e proc.civ., 1982
  • RUBINO, La compravendita , Milano, Tratt.dir.civ. e comm. già dir. da Cicu-Messineo, e continuato da Mengoni vol.XVI, 1971

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Trascrizione della vendita di cosa generica
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Trascrizione della vendita di cosa generica"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto