Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Indicazione per esteso delle date e delle somme (art. 51 n.5 l.n.)



Con l'art. 51, n. 5 l.n. termina il c.d. "protocollo" dell'atto notarile ed inizia la parte "dispositiva" dello stesso.

Ai fini della immodificabilità degli elementi essenziali del documento, il punto n. 5 dell'art. 51 l.n. richiede che siano riportati in lettere e per disteso le date, le somme e le quantità oggetto dell'atto.

Tale richiesta dev'essere assolta per le cose e le quantità che siano realmente l'oggetto dell'atto e non genericamente per tutte le date o le somme riportate per qualche ragione in atto.

La legge prescrive che tale indicazione sia effettuata "almeno per la prima volta".

Assolto l'obbligo richiesto, le successive ripetizioni degli stessi dati ed elementi, possono essere eseguite anche in maniera sintetica.

Sul valore da attribuire all'espressione "almeno per la prima volta" è da preferire l'interpretazione più aderente al testo normativo, in base alla quale la menzione in lettere e per disteso delle somme e quantità, debba avvenire esattamente alla prima indicazione in atto, e non in un momento successivo nota1.

Note

nota1

Cfr. Casu, L'atto notarile tra forma e sostanza, Milano, 1996, p. 205, e i riferimenti contenuti nella nota n. 25.
top1

Bibliografia

  • CASU, L'atto notarile tra forma e sostanza, Milano, 1996

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Indicazione per esteso delle date e delle somme (art. 51 n.5 l.n.)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Indicazione per esteso delle date e delle somme (art. 51 n.5 l.n.)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto