Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Violazioni all'art. 51 n. 5 - sanzioni -




Fuori dall'ipotesi di assoluta indeterminatezza dell'oggetto dell'atto, la violazione al principio posto dall'art. 51, n. 5 l.n., attenendo alla pura fase di documentazione della volontà delle parti, trova la sua sanzione unicamente sul piano disciplinare, con l'applicabilità della pena prevista dall'art. 137, I comma l.n..

In tale ambito devono essere ricompresi tutti i casi in cui non sia stato pienamente rispettato quanto richiesto dall'art. della l.n., e cioè non aver indicato mai in lettere e per disteso le date, le somme costituenti effettivamente l'oggetto dell'atto. Aver riportato per esteso le date e le somme soltanto in conclusione dell'atto e non subito "almeno per la prima volta". Aver riportato per esteso solo le somme e non le date, ecc. ecc.

Nel caso l'atto notarile risulti formato senza l'indicazione dell'oggetto del negozio, varranno i principi generali dell'ordinamento (atto nullo per assoluta indeterminatezza dell'oggetto), salva sempre la conseguente più grave responsabilità disciplinare del notaio, per aver ricevuto un atto nullo.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Violazioni all'art. 51 n. 5 - sanzioni -
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Violazioni all'art. 51 n. 5 - sanzioni -"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto