Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Impugnazione della rinunzia all'eredità




La rinunzia all'eredità può essere impugnata dal rinunziante o dai suoi creditori. Le due ipotesi non sono omogenee: l'impugnativa ad opera del chiamato che abbia rinunziato ha quale termine di riferimento un vizio dell'atto di rinunzia riconducibile alla violenza, al dolo (art.526 cod.civ. ) ovvero ad una situazione di incapacità di agire dell'agente. L'impugnazione della rinunzia da parte del creditore del chiamato invece non si appunta su un vizio dell'atto, ma si concreta in un'opposizione (art.524 cod.civ.) avente natura cautelare, mirante a conservare in capo al creditore la possibilità di fruire dell'incremento del patrimonio del proprio debitore che seguirebbe all'accettazione da parte di costui dell'eredità lasciatagli.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Impugnazione della rinunzia all'eredità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Impugnazione della rinunzia all'eredità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto