Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il soggetto passivo dell'obbligazione



Il caso paradigmatico, dal quale prendere le mosse per riferire del soggetto passivo del rapporto obbligatorio è costituito ovviamente dal debitore che personalmente effettua l'adempimento. A questa ipotesi va equiparata l'esecuzione a mezzo di dipendenti o ausiliari, la cui condotta è comunque riconducibile al debitore medesimo nota1, anche per quanto attiene alla responsabilità sia contrattuale (art. 1228 cod. civ. ), sia extracontrattuale (art. 2049 cod. civ. ).

Assumeremo piuttosto in considerazione due norme che riferiscono di speciali eventualità: si tratta dell'art. 1191 cod. civ. , che contempla il pagamento effettuato da un soggetto incapace, nonché dell'art. 1180 cod. civ. , vale a dire dell'adempimento del terzo.

Note

nota1

In tal senso Bianca Diritto civile, vol. IV, Milano, 1998, p. 275, Visintini, La responsabilità contrattuale per fatto degli ausiliari, Padova, 1965; Ferrara, Responsabilità contrattuale per fatto altrui, in Scritti giuridici, vol. II, 1954.
top1

Bibliografia

  • FERRARA, Responsabilità contrattuale per fatto altrui, Scritti giuridici, II, 1954
  • VISINTINI, La responsabilità contrattuale per fatto degli ausiliari, Padova, 1967

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il soggetto passivo dell'obbligazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il soggetto passivo dell'obbligazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto