Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Estinzione dell'usufrutto



L'estinzione del diritto di usufrutto interviene, ai sensi degli artt. 979 , 1014 , 1015 cod.civ., in seguito ad una delle cause che seguono:

  1. spirare del termine previsto.;
  2. morte dell'avente diritto, ovvero decorso del trentennio;
  3. non uso ventennale;
  4. perimento della cosa che ne è oggetto;
  5. consolidazione o riunione;
  6. abuso dell'usufruttuario. Estinto il diritto, all'usufruttuario incombe l'obbligo di restituire le cose al proprietario o di tenerlo indenne per l'impossibilità della restituzione. Il proprietario riceve comunque le cose nello stato in cui si trovano, non avendo titolo di pretendere alcunchè per il deperimento di quelle deteriorabili (art. 996 cod.civ.) ad eccezione dell'ipotesi in cui l'usufruttuario non ne abbia diligentemente goduto secondo la loro destinazione.

Le locazioni concluse dall'usufruttuario e in corso al termine dell'usufrutto hanno sorte diversa (art. 999 cod.civ.) secondo che l'usufrutto sia cessato per la scadenza del termine o per altra causa imprevista: in merito si vedano le norme che riguardano peculiarmente la materia della locazione (cfr. L. 27 luglio 1978, n. 392 sulla locazione degli immobili urbani, peraltro ormai quasi completamente abrogata).

Esaminiamo le cennate cause di estinzione.

Per quanto attiene allo spirare del termine, alla morte dell'avente diritto, al decorso del trentennio, si tratta di cause estintive connaturate all'essenza stessa del diritto di usufrutto. La necessaria temporaneità del medesimo, quando già non fosse stato costituito con un termine ben definito, è l'elemento posto a fondamento del modo di disporre dell'art. 979 cod.civ., in base al quale la durata dell'usufrutto, se costituito a favore di una persona fisica, non può comunque eccedere la durata della vita di questa, se costituito a favore di persona giuridica non può durare oltre trent'anni.

Dell'estinzione del diritto per consolidazione, per non uso ventennale per abuso dell'usufruttuario nonchè in esito al perimento del bene si dirà separatamente a cagione dell'importanza di queste ipotesi in riferimento a tematiche di carattere più generale.


News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Estinzione dell'usufrutto
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Estinzione dell'usufrutto"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto