Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1957 numero 2105 (07/06/1957)


L'art. 2052 c. c., nel richiedere come presupposto della responsabilità civile del proprietario di un animale che i danni siano stati da questo cagionati, non si riferisce ad un particolare specifico comportamento dell'animale diretto a causare il danno, ma alla semplice esistenza di un nesso di causalità fra il danno e l'evento che lo ha determinato, essendo la responsabilità del proprietario una volta accertato tale nesso, presunta iuris et de iure, ed esclusa solo dalla prova di un caso fortuito, ossia di una causa non imputabile.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1957 numero 2105 (07/06/1957)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto