Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1989 numero 2873 (14/06/1989)


La limitazione della responsabilità dello stato che assume la qualità di erede prevista dall'art. 586 cod.civ. riguarda i soli debiti ereditari, non già quelli, come l'obbligo derivante dalla condanna al pagamento delle spese processuali, che derivano dal comportamento dello stato che ha preferito resistere in giudizio anziché riconoscere le giuste pretese del creditore. Nel caso di successione dello stato è applicabile l'art. 502 cod.civ., per cui i creditori ed i legatari che non si sono presentati hanno azione contro l'erede solo nei limiti della somma che residua dopo il pagamento dei creditori e dei legatari che si sono presentati.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1989 numero 2873 (14/06/1989)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto