Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1984 numero 481 (19/01/1984)


Fuori dei casi previsti dagli artt. 2110 e 2111 cod. civ., che non esauriscono le ipotesi di sospensione del rapporto di lavoro, l'impossibilità parziale della prestazione del lavoratore è disciplinata dall'art. 1464 cod. civ., con la conseguenza che, a fronte della temporanea impossibilità della prestazione lavorativa, il datore di lavoro - in mancanza di un apprezzabile interesse all'adempimento parziale - ha la facoltà di recedere dal contratto, restando peraltro escluso, ove il rapporto non sia risolto, l'obbligo del pagamento della retribuzione in difetto della controprestazione del lavoratore.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1984 numero 481 (19/01/1984)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto