Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2012 numero 12278 (17/07/2012)




Le pertinenze sono definite dal codice civile come «le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un’altra cosa». Necessari per la loro identificazione sono, pertanto, il vincolo di destinazione e la durevole funzione di servizio o ornamento: l’uno è requisito soggettivo del rapporto pertinenziale, l’altro oggettivo. In particolare, la pertinenza (cosa accessoria) è caratterizzata dalla funzione di accrescere l’utilità o l’abbellimento della principale. Sicché, nel caso di pertinenza distaccata dal bene principale, tra i beni deve sussistere quella necessaria vicinanza che assicura la funzione suddetta. Tuttavia, vicinanza non significa contiguità tra i beni. Il bene pertinenziale non deve essere necessariamente nello stesso edificio dell’abitazione, né nello stesso isolato, né nella stessa strada, né si può fare una questione di distanza fra l’abitazione e la pertinenza. Piuttosto, è necessario che il bene pertinenziale venga a trovarsi nelle condizioni oggettive a rendere utilità o abbellimento alla cosa principale. L’esistenza di una strada di divisione tra il bene principale e il bene pertinenziale non esclude che il bene pertinenziale possa rendere utilità al bene principale.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2012 numero 12278 (17/07/2012)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto