Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1996 numero 1102 (14/02/1996)


Le dichiarazioni di scienza contenute in un atto di transazione ben possono assumere valore confessorio quando abbiano per oggetto la ricognizione di situazioni di fatto preesistenti o di situazioni giuridiche considerate, però, sub specie facti, perché‚ la funzione della transazione, che tende alla modifica, attraverso il sacrificio delle opposte pretese, della situazione giuridica preesistente, e non al suo accertamento, non esclude la possibilità di riconoscere nel contenuto complessivo dell'atto un momento accertativo della situazione di fatto preesistente che con la transazione si intende modificare.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1996 numero 1102 (14/02/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto