Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1995 numero 13106 (27/12/1995)


Per la configurabilità della responsabilità dell'appaltatore ex art. 1669 Codice civile, vanno ritenuti gravi difetti dell'edificio non soltanto quelli costruttivi che possono pregiudicare la sicurezza e la stabilità del fabbricato, ma anche quelli da cui deriva un apprezzabile danno alla funzione economica o una sensibile menomazione del normale godimento dell'edificio stesso. (Nella specie la sentenza impugnata confermata dalla S.C., aveva ritenuto la sussistenza del grave difetto costruttivo ex art. 1669 Codice civile con conseguente esclusione della applicabilità dello art. 1667 nell'inadeguatezza recettiva delle fosse biologiche).

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1995 numero 13106 (27/12/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto